• Dialoghi

    Mettiti al centro

    – Al centro di cosa?– Della tua vita– Non lo sono già?– No Tesoro, sei addirittura fuori dal bordo– Addirittura? Dici?– Sì Amore, e se continuerai a guardarla da fuori, sporgendoti verso il centro, un giorno o l’altro perderai l’equilibrio– Oddio! E che accadrà?– Accadrà che sarai al centro, finalmente, ma avrai molti lividi da curare– Quindi, se ho capito bene, sarebbe meglio andarci appositamente al centro, anziché cadere– Esattamente– Molto bene. Ho capito. Inizio subito a camminare anche se, in confidenza, non conosco esattamente la strada migliore– La troverai– A presto.

  • Parole e Colori

    Ti Am(av)o

    Si incontravano spesso ai piedi della Collina Fiorita. Quella combinazione di profumi e colori rendeva l’atmosfera magica. Giulia sapeva che l’avrebbe trovata lì, immersa nei pensieri e circondata dai girasoli. Valentina era affascinata dal modo in cui inseguivano la luce. Era il suo rifugio. Si sedette accanto a lei, abbracciandola in silenzio. La tristezza le si leggeva in volto. Fu Valentina a parlare per prima, non riuscendo a trattenere lacrime e dubbi. Si interrogava su cosa sarebbe accaduto, ora che l’amore aveva lasciato il posto al vuoto, cupo ed immobile. Ora che il sogno era infranto. Rivedeva incessantemente il viso dell’uomo che amava…che aveva amato, offuscato da una rigida ossessione.…

  • Parole e Colori

    Parole d’aria

    Fu un inizio irruento e delicato allo stesso tempo. Come un dipanarsi di nuvole cupe e aggrovigliate. Valentina aveva molte amiche. O, piuttosto, le aveva avute. Ne erano rimaste poche. Le più pazienti, capaci di tollerare la sua presenza spesso cupa e silenziosa. Certamente le uniche alle quali non si era sottratta. Negli ultimi anni, Valentina si era chiusa in se stessa, allontanandosi senza spiegazioni. Accadde una domenica. Era inverno e il vento soffiava intensamente. Uomini, donne e bambini giunsero dalla città attratti dai mercatini di Natale. Tante piccole case di legno ospitavano cibi, manufatti, libri e l’attesissima Signora delle Foglie, di fronte alla quale si formò una lunga coda.…

  • Parole e Colori

    Valentina

    C’era una volta, in un paese ai confini della città, una donna di nome Valentina, che viveva sola con i propri figli. Troppe vicissitudini l’avevano portata a rinchiudersi in se stessa e in un mondo che non era il suo. Lo era diventato per stanchezza, sconforto e paura. Un mondo spesso grigio, sbarrato da muri invalicabili. Ogni giorno si occupava dei figli, che crescevano forti e fieri e lottava per sopravvivere. Non combatteva contro animali feroci, draghi o carestie. Il paese era tranquillo e la gente cordiale. La sua lotta era dentro, nell’animo schiacciato da troppe ingiustizie. La forza di Valentina erano gli amici: donne e uomini che, con affetto,…